Poker Texas: i termini da imparare

I termini tecnici del poker Texas da conoscere alla perfezione

Nel gioco del poker Texas, vengono pronunciati dei particolari termini, che riguardano il gioco stesso, che potrebbero creare confusione nella mente dei giocatori meno esperti. Tali termini sono presenti sia nel gioco dal vivo che in quello online, ed è per questo che un qualsiasi utente deve cercare di fissare nella propria mente i concetti che si nascondono dietro un semplice termine. Ecco quelli più comuni e utili per affrontare, nel migliore dei modi, una mano di gioco del poker Texas.

All In: puntare tutto

L’All In, nel gioco del poker, è un termine che generalmente viene utilizzato nelle fasi calde di una mano di gioco, ovvero quanto una partita sta per volgere al termine. L’All In, che letteralmente vuol dire Tutto Dentro, nel gioco del poker Texas indica l‘azione che compie un giocatore nel momento in cui punta tutto il denaro in suo possesso. Tale strategia è però molto rischiosa, anche se nella maggior parte dei casi vincente: essa infatti manda nel panico i giocatori del poker, che temono che chi sceglie l’All In abbia una combinazione di carte tra le migliori. come poker d’assi o scala reale.

Spesso tale teoria viene confermata, ovvero chi effettua l’All In ha un’ottima combinazione di carte in mano, ma in altri casi si tratta di una strategia per intascare il piatto, ovvero la somma di denaro puntata da tutti i giocatori, senza faticare troppo. Potrebbe infatti accadere che il giocatore sfrutti le paure degli avversari e che dunque scelga di fare All In per terminare alla svelta la mano di gioco, e vincere senza problemi: in realtà, quel giocatore ha una combinazione di carte di poco conto, ma riesce nell’impresa proprio sfruttando le paure degli avversari.glossario poker

Per questo l’All In è un’arma a doppio taglio nel poker Texas, in quanto l’imbroglio potrebbe essere smascherato oppure un altro giocatore ha una combinazione di carte superiore rispetto a chi effettua l’All In. Se tale strategia fallisce, il giocatore che la utilizza perderà il denaro e dovrà abbandonare il tavolo da gioco.

Il grande bluff, ovvero l’imbroglio legale

Un termine molto comune che viene utilizzato nel poker Texas HoldEm consiste nel sostenere che quel giocatore, al termine della mano di gioco, è riuscito a mettere in pratica un bluff perfetto, e per questo motivo è riuscito a vincere il piatto sul tavolo.

Il bluff è un termine che indica l’imbroglio o trappola, ovviamente legale ed autorizzato nel gioco del poker Texas, che permette a chi la applica di poter vincere senza alcuno sforzo.

La trappola consiste nel far credere agli avversari di avere delle ottime carte, quando in realtà non si possiede una combinazione vincente, e puntare e rialzare la puntata ad ogni turno e dopo l’uscita delle nuove carte sul tavolo. Vedendo che chi effettua il bluff continua a puntare senza alcun timore, gli altri giocatori potrebbero temere, come nel caso dell’All In, che quella persona abbia in mano una combinazione ottima, e dunque potrebbero abbandonare il tavolo di gioco prima della scoperta delle carte.

Anche l’All In rientra nelle strategie del bluff, e pertanto anche quest’arma potrebbe ritorcersi contro il giocatore durante una mano di poker Texas Holdem, soprattutto se il bluff viene scoperto dopo pochissime puntate, o se il giocatore abusa di tale strategia durante l’intera partita.

Check e Fold, ovvero continuare a giocare o abbandonare il la partita

Coloro che vogliono capire come si gioca a poker, devono conoscere i primi due termini tecnici che riguardano la mano di gioco vera e propria, e che vengono pronunciati con maggior frequenza.Il primo di questi è Fold: questo termine significa abbandonare la mano di gioco, ovvero non proseguire a giocare.

Il Fold non è sinonimo di abbandonare il tavolo: il giocatore che decide di foldare abbandona solo quella partita, in quanto magari le carte in suo possesso, e quelle che magari si trovano sul tavolo, non gli permettono di ottenere delle combinazioni che risultano essere vincenti. Il Fold lo si può effettuare solo al proprio turno, ed in diversi momenti specifici della partita: dopo che vengono consegnate le 2 carte in mano al giocatore, e dopo che una nuova carta viene aggiunta sul tavolo, il giocatore potrà foldare, ovvero abbandonare la partita.

Quando si usa questo termine, il giocatore deve allontanare le carte in suo possesso dalla sua postazione, ma non le deve scoprire.

L’altro termine che bisogna conoscere per capire come si gioca a poker Texas è Check, ovvero vedo: il giocatore che esprime questo termine decide di proseguire a giocare, ma allo stesso tempo non effettua una puntata.

Il termine Check permette inoltre al gioco di proseguire: quando tutti i giocatori esprimono questo termine, o battono sul tavolo, il mazziere aggiungerà una carta sul tavolo di gioco. Come nel caso del Fold, anche il termine Check deve essere utilizzato solo durante il proprio turno e nelle stesse fasi nelle quali è possibile foldare.

Puntare o rialzare: il call ed il raise

Le puntate sono il fulcro di ogni partita del poker Texas, e chi vuole scoprire come si gioca a poker deve conoscere i termini che riguardano proprio le puntate. Nel poker Texas esistono 2 termini per puntare: il primo di questi è call, e spesso viene anche chiamato col semplice termine di Vedo.

Il call consiste nel vedere il rialzo di una puntata effettuata da un altro giocatore, ed allo stesso tempo impedisce a chi esprime il termine Call, di aumentare la puntata. Ad esempio, se un giocatore alza la puntata di 50, il giocatore successivo potrà esprimere il termine call, ovvero anch’egli aumenterà la puntata dello stesso tanto. In alternativa, si potrà foldare. Questo termine deve essere utilizzato nel proprio turno e solo se, prima del proprio turno, l’utente precedente ha effettuato un rialzo della puntata.

Il termine corretto per indicare il rialzo è proprio Raise: un giocatore potrà infatti aumentare la sua puntata della cifra che vuole, senza alcun limite tranne nel caso in cui questo non venga stabilito prima che il gioco abbia inizio.

Il Raise dunque fa aumentare il piatto e la somma di denaro finale che si potrebbe andare a vincere, ma allo stesso tempo potrebbe far sorgere il dubbio che quel giocatore stia bluffando oppure che abbia veramente una mano vincente. Per quanto riguarda il call, vi è anche il Call Any, ovvero aumentare automaticamente tutte le puntate, indipendentemente dal rialzo effettuato dagli altri giocatori.

Come giocare a poker: i termini tecnici

Nel gioco del poker sono presenti anche diversi termini tecnici che permettono di individuare facilmente le fasi di gioco di una partita. Durante ogni mano di gioco, chiamata Hand, il mazziere o dealer in termini tecnici, dopo aver consegnato le carte a tutti i giocatori, e questi hanno puntato la medesima somma di denaro, porrà sul tavolo tre carte scoperte, che prendono il nome di Flop.

Ad esse sussegue il Turn, ovvero la quarta carta scoperta che viene aggiunta a quelle precedenti, ed infine il River, ovvero la quinta ed ultima carta. Conoscere questo nome preciso delle carte del poker Texas permette ad un giocatore di capire in che fase della mano di gioco si trova: il Flop rappresenta la fase iniziale, mentre il River quella finale.

Altri termini tecnici del Poker Texas Holdem

Oltre al nome e all’identificazione delle combinazioni di carte, come ad esempio il full, composto da un tris e una coppia, o colore, ovvero carte dal valore non consecutivo ma dello stesso seme, che devono essere assolutamente conosciute dal giocatore, vi sono altre terminologie che permettono di giocare meglio al poker Texas.

Una di questa è lo small blind, ovvero il piccolo buio: questo termine rappresenta la fase d’appertura del gioco. Con small blind il giocatore che deve aprire il gioco deve obbligatoriamente puntare l’esatta metà della puntata minima: se questa è pari a 100, il giocatore dovrà puntare 50 per aprire il gioco.

Segue il blind, ovvero il buio, che viene effettuato dal secondo giocatore, e consiste nella puntata obbligatoria che deve essere identica alla puntata minima: se questa è pari a 100, il giocatore dovrà puntare 100. Il Big Blind invece spetta al terzo giocatore seduto al tavolo, e questo è il raddoppio della puntata, anch’esso obbligatorio per poter proseguire nella mano di gioco del poker.

Nel gioco del poker Texas vi sono anche delle terminologie che indicano le strategie non ammesse, come ad esempio il soft play, che consiste nell’accordo tra due giocatori, che raggiungeranno la fase finale assieme.

Giocare leggero con altri giocatori infatti è vietato, e potrebbe costare l’allontanamento da quel tavolo di entrambi i giocatori. Il Whipsaving invece è un tipo d’accordo che prevede lanci e rilanci, e serve per far foldare tutti i giocatori che stanno giocando a poker Texas, tranne i due che sono d’accordo.

Infine, come termini per gli imbrogli vi è anche il collusion, ovvero rivelare al complice che carte si hanno in mano, ed il chip dumping, ovvero regalare, sfruttando una di queste strategie, le proprie chip o fiches, al compagno. Questi sono i principali termini che ogni giocatore di pokerdeve conoscere alla perfezione, in quanto grazie ad essi, sarà possibile giocare perfettamente al gioco del poker Texas, e si potrà capire sia in quale fase della partita ci si trova, sia la strategia giusta che bisogna adottare per poter vincere una qualsiasi mano di gioco.

Fonte: Poker Texas – http://poker.paddypower.it/

Author: Cristina

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *